Dossier brasile

Disponível somente no TrabalhosFeitos
  • Páginas : 20 (4782 palavras )
  • Download(s) : 0
  • Publicado : 24 de abril de 2013
Ler documento completo
Amostra do texto
BRASILE
Il Brasile, unico Paese di colonizzazione portoghese del continente americano, è la più grande potenza economica (ottava potenza industriale del mondo), demografica e territoriale (8.511.996 kmq, 28 volte l'Italia) dell'America latina. La forte diffusione della schiavitù (abolita solo nel 1890), che negava l'istruzione agli afroamericani, insieme alla grande dispersione della popolazionesu un vastissimo territorio, condizionò fortemente lo sviluppo del sistema educativo nel Paese. Le circa 400 etnie che popolavano il territorio brasiliano all'arrivo dei Portoghesi nel 1500 avevano proprie modalità orali di diffusione del sapere pratico e filosofico - religioso. L'educazione intesa secondo i criteri europei e in lingua portoghese venne introdotta nel 1549 dai sacerdoti gesuiti,che continuarono a gestirla (come in Paraguay e in Argentina) per oltre 200 anni. Il primo movimento politico - culturale per rendere laica, universale e gratuita l'istruzione risale al 1834, ma ancora nel 1872 solo il 2% della popolazione in età scolare era iscritta alla scuola elementare e, nel 1900, il 66% della popolazione era analfabeta. Nel 1930, fu creato un Ministero dell'educazione e nellacostituzione federale del 1934 vennero stabilite le competenze del governo federale quale ideatore e promotore dell'educazione nazionale. 2 solo nel 1961, però, che una legge (Legge 4.024/61), in seguito riformata nel 1971 (Legge 5.692/71), sancì il ruolo dello Stato nella promozione dell'educazione di base tra gli strati rurali, da sempre emarginati dal sistema educativo. Il processo di sviluppodella scuola ha seguito lo sviluppo socio - economico del Paese, con le sue marcate disparità. A tutt'oggi, il 16,7% dei Brasiliani è analfabeta, la più alta percentuale di analfabetismo dell'America del sud, insieme alla Bolivia. Tale tasso varia nettamente tra città e campagna e secondo la fascia di età: in ambito rurale, il 56% delle donne sopra i 30 anni è analfabeta. Nonostante i progressiregistrati nel campo della scolarizzazione elementare, non frequentano ancora la scuola dell'obbligo più del 10% dei ragazzi tra i 7 e i 14 anni e grandi sono le disparità tra le regioni e fra i vari gruppi etnici. Tra i bambini iscritti, si registrano altissimi tassi di ripetenza e di abbandono. L'incapacità del sistema scolastico di assicurare la scolarizzazione universale e la sua grandedispersione sono da imputare soprattutto a motivi di carattere socio - economico e alle difficoltà della scuola di rispondere alle esigenze dei gruppi più sfavoriti. La recente legge federale 9.394 del 1996 ha definito gli obiettivi dell'istruzione elementare e superiore e i ruoli dei diversi organismi dello Stato federale. I compiti del governo centrale (attraverso il Consiglio nazionaledell'educazione) rimangono quelli di dare l'indirizzo programmatico e co-finanziare l'educazione. I 26 Stati membri della federazione eleggono propri consigli, che hanno il compito di definire le politiche regionali, finanziare e verificare la qualità dell'educazione elementare e superiore e i loro programmi. Le municipalità infine possono integrarsi nel sistema regionale di educazione (se hanno le risorse),occupandosi soprattutto dell'educazione prescolare ed elementare. La vastità del Paese, le grandi diversità culturali e di sviluppo fra le varie aree, le enormi disparità economiche presenti tra la popolazione e la gestione decentralizzata delle scuole si riflettono sui servizi educativi e sulla qualità dell'istruzione offerta a scuola. La scuola pubblica La nuova costituzione federale del Brasiledel 1987 sancisce il diritto del cittadino a essere educato in uguaglianza di condizioni, senza discriminazioni razziali o di altro tipo e gratuitamente dallo Stato o dalle amministrazioni locali. La scuola pubblica è gratuita.

La scuola privata, per lo più cattolica, contrariamente a quanto succede nel resto dell'America latina, ha un peso sempre minore nel panorama brasiliano: dal 17% degli...
tracking img