L'energia vibrazionale degli alimenti

Disponível somente no TrabalhosFeitos
  • Páginas : 12 (2984 palavras )
  • Download(s) : 0
  • Publicado : 9 de março de 2013
Ler documento completo
Amostra do texto
L’ENERGIA VIBRAZIONALE DEGLI ALIMENTI
[pic]
|Ogni persona emette una radiazione tra 6200 e 7000 A.Il cibo possiede una bioenergia tra 0 e 11000. Gli alimenti in base|
|alla bioenergia si dividono in Alimenti Superiori, di Appoggio (6500-3000), Inferiori e Alimenti morti (energia 0). |
|(Ing. A. Simoneton)|


La ricerca del Dr. A. George Wilson Intorno al 1960, il Dr. Wilson completò lo sviluppo di un'apparecchiatura elettrica molto sensibile che chiamò "Neuro-Micrometro". Questo strumento, una volta collegato con elettrodi in contatto con la superficie del corpo di una persona, misura il flusso di elettricità che scorre nei nervi.
Il Neuro-Micrometro è in grado di misurare:• Rapporto acido/basico.
• Energia che scorre nei nervi.
• Energia funzionale.
• Ossidazione delle cellule.
• Riserva di energia organica.
• Tensione emotiva.
• Tossicità organica
Con l'ausilio del Neuro-Micrometro, si può ottenere un'indicazione abbastanza approssimata della condizione di alcuni organi interni oppure delle ghiandole endocrine. Questemisurazioni diventano possibili in quanto vi sono sul corpo dei punti riflessi (probabilmente sono gli stessi utilizzati nell'Agopuntura, N.d.T.).
Cos'è la salute?
Per definire la condizione di "buona salute", la cosa migliora da fare è esprimersi in termini di energia funzionale, una forma di corrente nervosa, anche chiamata "bioelettricità", che fornisce gli impulsi necessari al movimento degli arti edalla vitalità di tutte le cellule che costituiscono il nostro organismo. Va sottolineato il fatto che tale energia non potrà mai essere fornita da alimenti cotti, surgelati o provenienti da animali morti.
L'elettricità è definita come "un'onda di elettroni che sono costretti a muoversi da atomo ad atomo". Vi sono molti modi per creare dell'elettricità, quella nel nostro organismo è causata dareazioni chimiche (come quando si carica una batteria) che avvengono nelle cellule; tale processo prende il nome di "ossidazione". L'ossidazione avviene come conseguenza dell'assorbimento di ossigeno e nutrimento da parte delle cellule.
Nel momento che l'ossigeno e gli elementi nutritivi giungono al loro nucleo, e ne diventano parte integrante, viene a crearsi una minuscola corrente elettrica cheammonta a circa un 50-milionesimo di Volt. Questa corrente, anche se appare assai debole, è sufficiente per mantenere in vita una cellula e, quando si combina con quella di altre cellule (come accade nel cervello), diventa sufficiente per causare un flusso di energia nervosa che, qualora diretto verso una parte dell'organismo, prende il nome di "impulso nervoso" e può produrre un'azione.Siccome sono gli alimenti che assumiamo che permettono la generazione di questa energia, spetta agli stessi il compito di mantenere l'integrità termica, chimica, strutturale e funzionale del corpo. Questi quattro fattori sono ugualmente importanti ma, purtroppo, solo i primi tre sono stati presi nella dovuta considerazione.
Quanto il cibo, possa essere correlato alla generazione dell'energia chemantiene le attività funzionali del corpo, è stato un argomento alquanto trascurato. Le nuove considerazioni nel campo della dieta La prima cosa da fare, nella ricerca di una dieta ottimale, dovrebbe essere l'attenta considerazione dell'effetto che essa avrà sulle cellule dell'organismo, sul rapporto acido/basico e quanto potrà aumentare o diminuire l'energia nervosa disponibile.
Il Dr. Wilsonenumera quattro modi nei quale una dieta scorretta può interferire nel buon funzionamento delle cellule:
1. Incapacità di provvedere il giusto nutrimento alle cellule, sia per i processi di ossidazione che per la creazione di nuove cellule.
2. Creazione di eccessiva acidità, che interferisce con i processi ossidativi delle cellule.
3. Incapacità di creare l'acidità sufficiente a creare la...
tracking img