Ludico como metodo

Disponível somente no TrabalhosFeitos
  • Páginas : 6 (1449 palavras )
  • Download(s) : 0
  • Publicado : 2 de março de 2013
Ler documento completo
Amostra do texto
Paulo Freire




Il “Metodo” Paulo Freire
Paulo Freire è stato conosciuto nel mondo per il suo metodo, malgrado egli abbia sempre rimarcato che il suo metodo non avrebbe potuto essere compreso separatamente dalla sua filosofia dell’educazione. Paulo Freire non può essere considerato solo come un intellettuale del Terzo Mondo che ha prodotto un metodo per l’alfabetizzazione degli adulti.Egli è stato, soprattutto, un filosofo dell’educazione.
Il metodo freiriano comincia sempre da una ricerca. Freire diceva “chi ha fame ha fretta”, riscontrando quel bisogno di partire dalla realtà e non dalle idee, passando, in un secondo momento, al dare un nome al metodo e a sistematizzare la realtà, secondo una procedura estremamente pratica che non era mai stata utilizzata prima degli anni ’50.Il primo passo consisteva nel ricercare i temi più discussi dalle persone. In questa fase di scoperta dell’universo, il vocabolario nel quale si incontravano i temi generatori era ricavato dalle situazioni della vita (povertà, disoccupazione, fame, malattie), per prima cosa per conoscere le necessità delle persone e le urgenze degli oppressi. Nei diversi programmi di alfabetizzazione diretti daPaulo Freire, l’insegnante cominciava a lavorare sul campo con un quaderno o, se possibile, con un registratore, atento a tutto ciò che vedeva e sentiva. Egli si mescolava alle persone della comunità locale nel modo più intimo possibile, faceva domande sulla vita della gente e sul loro modo di percepire il mondo col fine di redigere una lista delle parole più usate dagli individui che sarebberostati alfabetizzati.
Tutto doveva essere analizzato dall’educatore: parole, frasi, detti, proverbi, modi particolari di parlare, di raccontare le esperienze di vita; da questa ricerca nascevano le parole e i temi generatori, cioè il nucleo del metodo, che dovevano poi essere usati per codificare (rappresentare) il modo di vita della gente del luogo. In seguito, essi sarebbero stati decodificati ead ogni parola sarebbe stato associato un gruppo di questioni che fossero al tempo stesso esistenziali e politiche (cioè legate all’esistenza ed alle determinanti sociali delle condizioni di vita).
La parola generatrice funzionava da chiave. Essa veniva presentata nel contesto concreto, come nel classico esempio della parola “mattone” che appare scritta sul mattone di una parete. Così, per laparola generatrice “governo” potevano essere agganciati e discussi i seguenti temi generatori: il piano politico, il potere politico, il ruolo del popolo nell’organizzazione sociale, la partecipazione popolare.
Generalizzando, il metodo di formazione della coscienza critica di Freire passa per tre fasi distinte che possono essere così schematicamente descritte:

1. Fase della ricerca
In questafase di scoperta dell’universo del vocabolario, si incontrano le parole ed i temi generatori che sono relazionati alla vita quotidiana dell’alfabetizzazione dello studente e del gruppo sociale al quale appartengono. Queste parole generatrici sono selezionate in base alla loro lunghezza sillabica, al loro valore fonetico e, soprattutto, al senso sociale attribuito dal gruppo. La scoperta di questovocabolario universale può essere fatta attraverso riunioni informali con gli abitanti del luogo all’interno del quale verrà applicato lo schema, lavorando con gli individui che compongono la comunità, condividendo le loro preoccupazioni ed ottenendo un’idea degli elementi fondamentali
della loro cultura.
2. Fase della tematizzazione
In questa seconda fase, i temi risultanti dalla conoscenzainiziale vengono codificati e decodificati. Una volta contestualizzati, essi appaiono come “magicamente” sostituiti da una visione critica e sociale. In effetti, in questo modo vengono scoperti nuovi temi generatori che sono in relazione con quelli incontrati inizialmente. È in questa fase che vengono fatte le mappe per lo smantellamento dei gruppi fonetici, al fine di aiutare la lettura e la...
tracking img